Home
Autori
Chi siamo
Collane editoriali
Eventi - FAQ - Contatti
Contatti
Libro Ospiti
EDIZIONI EBOOK
F.A.Q.
Premi letterari assegnati
Partecipazione Premi Letterari
 
 
 
CALENDARIO EVENTI  
 
Presentazione permanente di libri  
 
 

service1




 

 
 
Comunicato stampa n. 10 del 19 novembre 2017
DIPLOMA D'ONORE DEL PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE MICHELANGELO BUONARROTI A "LA NEVE ALL'ALBA"  DI BASILIO PETRUZZA



Roma, 19 novembre 2017- Un altro importante riconoscimento a un autore di EDDA Edizioni: La neve all'alba di Basilio Petruzza ottiene il diploma d'onore della giuria del concorso letterario Internazionale Michelangelo Buonarroti, ed. 2017 sezione narrativa edita.
Uno di più giovani autori di EDDA Edizioni, Basilio Petruzza, che nel suo ricco romanzo affronta con coraggio e con stile sobrio il tema della pedofilia.
Teatro di La neve all'alba, è la chiesa, con la complicità delle distrazioni di famiglia, fosse altro per l'incapacità di cogliere per tempo i segnali del
disagio che pure il protagonista lancia.
È  il sacerdote che si sostituisce al padre e interpreta a modo suo il concetto
di amore paterno facendo leva sul candore e sull'innocenza del protagonista adolescente.
Con il riconoscimento anche della critica letteraria, l? autore, Basilio Petruzza, che merita ancora di più, non solo per la creatività, la bravura e il coraggio nell?affrontare in modo egregio un argomento tanto delicato, ma anche per i consensi numerosi che quotidianamente riceve  sui social e sulla stampa, si conferma promettente della narrativa italiana.
 
 
Autori: Basilio Petruzza
Collana: Amore e Psiche
ISBN 978-88-97124-44-3
Pagine: 169
Prezzo: E. 18,00
In commercio,   a distribuito da Libro CO Italia Srl
 
Disponibile ordinando a eddaedizioni@tiscali.it (spedizione gratuita ovunque in Italia; con contributo spese all?estero)
(condizioni particolari per le scuole su ordini diretti per minimo 20 copie a ordine)
 
■contatti: www.eddaedizioni.it redazione@eddaedizioni.it eddaedizioni@tiscali.it 
                 335/5950316 - 335/5951339

Comunicato stampa  n. 09 del 18 novembre 2017
Edda e i saggi fa il bis
con il saggio Giovanni Gentile e la rivista «Leonardo», di Glauco Saffi


ROMA, 18 novembre  2017 - La collana, Edda e i saggi, fa il bis in poco tempo pubblicando un altro professore, Glauo Saffi Professore di materie umanistiche  in Firenze.
 
Con GEOMETRIE dei professori Alessandro Zampa e Franco Rupeni, pubblicato la scorsa estate, i lettori appassionati di materie scientifiche potranno inserirsi nel dibattito mai esaurito sulle Geometrie euclidee e non euclidee.
 
Con il saggio del professore Glauco Saffi, Giovanni Gentile e la rivista «Leonardo», saranno invece i lettori appassionati di materie umanistiche e filosofiche  a rivivere le dispute tra i filosofi e i letterati di maggior spicco ai primi del Novecento.
 
No c'erano i social nell'Italia monarchica ad animare i dibattiti a cui oggi possono democraticamente, ovviamente con la democrazia possibile con i Social, partecipare tutti coloro che sono connessi.
 
Le dispute, a volte aspre, restavano circoscritte in una élite di intellettuali, di scienziati e di filosofi e raramente riguardavano le masse.
 
Questo libro, dunque,  ci presenta un Giovanni Gentile trentenne nei suoi difficili rapporti colla giovane intellettualità della città maledetta. Con quella Firenze che gli fu fatale e che da sempre si collocò oltre il cerchio delle sue affinità elettive.
 
 
Autori: Glauco Saffi
Collana: EDDA e i Saggi
ISBN 9788897124674
Pagine: 178
Prezzo: E. 21,00
In distribuzione a partire dal mese di novembre  a cura del distributore nazionale Libro CO Italia Srl
 
Disponibile ordinando a eddaedizioni@tiscali.it (spedizione gratuita ovunque in Italia; con contributo spese all?estero)
(condizioni particolari per le scuole su ordini diretti per minimo 20 copie a ordine)
 
■contatti: www.eddaedizioni.it redazione@eddaedizioni.it eddaedizioni@tiscali.it 
                 335/5950316 - 335/5951339
 
Comunicato stampa  n. 08  del 17 ottobre  2017
La collana EDDA Poetica si arricchisce di un nuovo libro
I SOGNI FANNO IL VERSO ALLA REALTÀ  di Miriam Giannone
(Edda edizioni – Edda Poetica)






 
ROMA, 17 ottobre  2017 –  Nel nuovo libro di Miriam Giannone, I sogni fanno il verso alla realtà, sogni e realtà si rincorrono, si integrano e a volte si confondono, ripetendo le dinamiche della vita reale di tutti i giorni in cui le emozioni sono figlie delle azioni così come le azioni sono figlie delle emozioni.
Nelle sei sezioni in cui è divisa la silloge: Nella tregua di una notte, I sogni e le paure, Senza clamore, Soave perdigiorno, Questo amaro piacere, Uno scorcio di tempo si ritrovano, in versi delicati e colti,  i grandi temi che dominano le diverse fasi della vita umana.
Leggendo, si ha la conferma che sogni e realtà si rincorrono davvero in tutte le fasi della vita,  ma che  entrambi, sogni e realtà, assumono un sapore diverso nella fase in cui iniziano i bilanci della vita che fu.
 
Nella notte mi sveglio
con la faccia da clown in disarmo
e subito capisco che 
non era un sogno
la vita che ho vissuto:
da mille traboccanti lontananze
balena la mia storia…
 
La consapevolezza dell’età riserva un maggiore spazio a quell’età, definita “terza” o “quarta” in cui maggiore è la percezione della propria individualità e della relazione con gli altri.
 
La vecchiaia può essere benedetta o maledetta… ma nei versi de I sogni fanno il verso alla realtà  neppure una briciola dei sentimenti, delle emozioni e delle percezioni abbandona l’uomo che la vive. Il puzzle rimane composto, solo che le tessere rappresentate da ogni singolo sentimento cambiano dimensione. Sicché il sentimento di maggior peso, quando si è in là con gli anni, è il senso della  solitudine.
Solitudine che tuttavia l’autrice non rappresenta necessariamente e sempre  come sofferenza prossima alla disperazione. Se Maturità vuol  dire anche saggezza, ecco che dalla solitudine in determinati momenti se ne può trarre qualche positività:
 
Perché la sofferenza di esser soli
a volte si fa fremito di gioia
di libertà assoluta, pura,
sconfinata, in sé conchiusa
 
“Fremito di gioia…”, non c’è messaggio migliore da trasmettere a giovani, che diverranno anziani, e ad anziani, che sono stati giovani.
 
Titolo: I sogni fanno in verso alla realtà
Collana: Edda poetica
Genere: Poesia
Pagine: 98
ISBN. 978-88-97124-61-0
Prezzo copertina: euro 16,00
 
Prossimamente in distribuzione presso le librerie.
Immediatamente disponibile su ordini diretti.
 
Le scuole, le associazioni e le comunità interessate a forniture dirette, a condizioni loro riservate, possono scrivere a: eddaedizioni@tiscali.it
 
L’autrice.
Miriam Giannone è nata a Genova dove ha studiato fino al conseguimento della laurea in Matematica. Successivamente si è trasferita a Roma  dove ha lavorato in alcuni centri di elaborazione dati delle Ferrovie dello Stato.  Una volta in pensione si
è laureata in Scienze  della Comunicazione all’Università La sapienza di Roma.
Dal 2010 si dedica alla poesia con diverse pubblicazioni.
■contatti: www.eddaedizioni.it  redazione@eddaedizioni.it    eddaedizioni@tiscali.it  -335/5950316 –  335/5951339
 

Comunicato stampa  n. 07 del 31 agosto  2017
Avviata la collana Edda e i saggi
Come da programma, con il saggio di divulgazione scientifica
GEOMETRIE?
dei professori Franco Rupeni e Alessandro Zampa

ROMA, 31 agosto  2017 – Non poteva esserci avvio migliore per una collana, Edda e i saggi, progettata per raccogliere e accogliere contributi di elevato contenuto culturale e scientifico da mettere a disposizione non solo del lettore in generale ma di quei lettori che della ricerca scientifica e filosofica hanno bisogno pratico, sia per affinare le competenze sia per arricchire la mente.
 
GEOMETRIE? Dunque risulterà interessante lettura per chi ama le nuove frontiere della ricerca scientifica e della speculazione filosofica, ma ancora saggio più prezioso per giovani studenti dei licei e degli stessi docenti.
 
La  competenza dei due autori e il rigore nella elaborazione di testi e immagini  ne fanno un prodotto di elevata qualità.
 
Il libro deve essere letto e, forse, riletto; sarebbe velleitario immaginare di sintetizzarlo nelle poche  scarne righe di un comunicato stampa.
Più utile riportare sinteticamente le note biografiche dei due  autori Franco Rupeni e Alessandro Zampa, dell’autore della postfazione Eugenio G. Omodeo,  e l’abstract in quarta di copertina come “aperitivo”.
Franco Rupeni, laureato in Matematica, ha insegnato le basi logiche della disciplina nei Licei Scientifici di Trieste.
Alessandro Zampa si è laureato in Fisica e ha conseguito il titolo di Ph.D.
in Mathematical Physics presso la S.I.S.S.A. di Trieste, equiparato dalla normativa al dottorato di ricerca in matematica; attualmente insegna matematica presso il Liceo Scientifico Statale “G. Marinelli” di Udine.
Eugenio G. Omodeo, Professore Ordinario di Informatica all’Università degli Studi di Trieste, è autore della POSTFAZIONE.
 
NON ENTRI CHI NON CONOSCE LA GEOMETRIA
Era il monito inciso sul portale dell’Accademia del filosofo Platone, luogo di accesi dibattiti sulla possibilità di costruire con riga e compasso le rette parallele, quelle rette del piano che non si incontrano mai. L’allievo Aristotele, aprendo il dubbio sulla possibilità di dimostrare l’esistenza delle parallele, gettò le basi di quello che fu, per più di due millenni, il più grande enigma scientifico della storia: il PROBLEMA DELLE PARALLELE.
A fronte delle soluzioni parziali e incompatibili fornite dalle ottocentesche geometrie non euclidee, i due autori hanno scoperto una nuova geometria che, generalizzando la GEWMETRIA di Euclide, ne dà la soluzione
definitiva, sorprendente e semplice.

Rivoluzionando però i tradizionali concetti di punto, retta e piano.
 
ENTRI CHI NON CONOSCE LA GEOMETRIA
Il lettore che, digiuno di Geometria, abbia la curiosità di conoscerla verrà accompagnato passo dopo passo nel cuore delle problematiche che hanno incalzato matematici e filosofi sin dall’Antichità.
 
ENTRI CHI CONOSCE LA GEOMETRIA
Il lettore informato ed esperto, coadiuvato dalle NOTE, potrà scoprire una prospettiva teorica inconsueta, in netta controtendenza rispetto a quella tradizionale.
 
NON ESCA CHI NON HA LETTO LA POSTFAZIONE
Studiare una tale geometria richiederebbe quindi una revisione completa degli assiomi. Sarebbe interessante formulare un sistema assiomatico per la geometria sintetica che includa la geometria ellittica singola come caso speciale, alla pari delle altre tre geometrie.
D. C. Kay, College Geometry - A Unified Developement
 
GLI STUDENTI DEL LICEO SCIENTIFICO E DEL LICEO CLASSICO potranno scoprire che proprio il primo postulato di Euclide (Si richiede di condurre una linea retta da ogni punto a ogni punto) costituisce il fondamento grafico e logico della nuova geometria, comprendente in sé l’antica geometria euclidea e le moderne geometrie non euclidee
 
Autori: Alessandro Zampa, Franco Rupeni
Postfazione: Eugenio G. Omodeo
Collana: EDDA e i Saggi
ISBN 9788897124641
Pagine: 115
Prezzo: € 18,60
In distribuzione a partire dal mese di ottobre a cura del distributore nazionale Libro CO Italia Srl
 
Disponibile ordinando a eddaedizioni@tiscali.it (spedizione gratuita ovunque in Italia; con contributo spese all’estero)
(condizioni particolari per le scuole su ordini diretti per minimo 20 copie a ordine)
■contatti: www.eddaedizioni.it redazione@eddaedizioni.it eddaedizioni@tiscali.it 
                 335/5950316 – 335/5951339
 

  30 agosto 2017

LETTURE SOTTO L'OMBRELLONE 2017
La recensione di un lettore- (riceviamo e volentieri pubblichiamo)




 
Nel mare dei fiori di Buc.
Ho letto che un libro è una finestra ed, allo stesso tempo, uno specchio.
E questo libro è una finestra sul mondo dell’Autrice ed uno specchio di ciò che ha colpito il suo cuore, la sua anima.
Il libro, in apparenza piccolo, è un distillato ed  a volte una sua frase è più incisiva di una intera pagina che descrivesse lo stesso momento, la stessa emozione.
Secondariamente un libro è anche una piccola macchina del tempo, specie, come in questo caso, se il libro è autobiografico.
Confesso che è alla seconda lettura che ne ho colto la sua profondità, per il suo linguaggio essenziale, a volte quasi ermetico. A volte alcune frasi sembrano quasi degli haiku giapponesi. E, per me, sono bellissimi.
Ma, questa è anche l’unica critica, in senso buono, ovviamente, che mi sentirei di fare.
Amo i poeti ermetici e gli haiku giapponesi, ma in genere il lettore italiano non li  ama molto. Forse un po’ meno di ermetismo gioverebbe, specie a chi
si limiterà solo ad una  prima lettura.
Il racconto si svolge quasi su due piani e anche se  c’è il personaggio principale, un po’ misterioso, di Buc; pian piano è invece l’io narrante che prende campo e ci conduce nel suo mondo di sogno, fin dall’inizio.
“Quante volte guardai il mare immaginando l’uomo che avrei amato”.
Quanti adolescenti oggi sognano, in riva al mare,  la persona che ameranno?
Chi è nato in riva al mare e/o  in riva al mare ha molto  vissuto, specie l’ adolescenza, con i suoi sogni, le sue ansie, le sue attese misteriose, percepisce immediatamente questa emozione.
L’Autrice ci porta  in quell’età magica  in cui  si vedono “smeraldi, topazi, diamanti” nella risacca, ci porta nello sgomento  degli adulti  per i capelli lunghi dei figli, le minigonne, i “giovani più giovani”, i fiori nei cannoni, libertà e amore.
Ed anche nella contraddizione dei giovani: il fratello le rinfaccia di non essere, per colpa sua, figlio unico, alcuni hippy  “con sulla lingua il titolo di troia per la ragazza di turno che si scopavano, forse”.
E con le prime scoperte della vita, i limiti del fratello, degli amici, dei conoscenti. E con i primi drammi, i primi lutti.
E’ un libro di poesia, anche nei momenti più terribili che la vita possa dare:
“La primavera, dai campi ancora pezzati di bianco”,..
“Torni nel luogo dove hai vissuto..e scopri di essere un fantasma” (si legge sempre che lì sei uno straniero, ma ha ragione l’Autrice, sei un fantasma).
La nonna parlava coi fiori “con quelli che avrebbe reciso per il cimitero credendoli messaggeri d’amore” per il suo ultimogenito.
“Spesso mi addormentavo per desiderio d’incontrarlo” (il nonno defunto).
“I miei genitori smisero di amarsi e scoppiarono in mille pezzi davanti ai figli..”
“Ho visto..l’amore odiare”.
“Se l’amore fosse autentico nulla basterebbe a trasformarlo”.
“Ho un ricordo preciso dell’istante in cui cessai di vivere”..”Si può morire in molti modi , il peggiore è rimanendo in vita” (La figlia le confessa gli abusi sessuali subiti per otto anni dal padre).
“Avrei voluto che il giorno fosse solo notte”, (chi ha avuto gravi lutti, grandi dolori, capisce perfettamente).
Mi auguro che l’Autrice continui a scrivere, aprendoci il suo cuore alle sue gioie, ai suoi dolori, alle sue riflessioni.
La leggeremo ancora con gioia. Condividendo idealmente con lei le sue gioie, lenendo un poco idealmente con lei i nostri dolori, i nostri lutti.
Leo Mafrica
 
ESTATE 2017
LETTURE CONSIGLIATE SOTTO L’OMBRELLONE
(nelle migliori librerie oppure ordinando a eddaedizioni@tiscali.it )
 
30 anni avanti, 30 anni indietro lungo le coste del mediterraneo
di Daniela Tombà
“…Comunque, ora che lo avete in mano, leggetelo possibilmente al mare, sdraiati sulla spiaggia o seduti su uno scoglio, dentro un gommone o sopra una barca, sul terrazzo di un campeggio, di un albergo, di una casa, con vista sul mare, nel bar di uno stabilimento, sulle terribili poltrone reclinabili di un traghetto o fuori, seduti sul ponte… è in questi posti che è stato scritto…”


 



Una vita per imparare a vivere, dieci minuti per cambiare
Di Luisa Antonacci
“,,,Quell’anno io, giuliana e una delle sue sorelle più grandi passammo le vacanze al mare, appunto ad Anzio, a casa di una cugina che si offrì di ospitarci dato che avrebbe portato i suoi bambini in montagna. Dal canto nostro, ci impegnammo a tenerein ordine e pulita la casa e i nostri genitori venivano a trovarci il sabato e la domenica…”




Cohiba,
di Vito Manduca
“…«Con Morales c’incontriamo alla locanda “La Siesta” in riva al mare. L’aria torrida del giorno va scemando col sole che s’inabissa nell’oceano. Ceniamo all’aperto a lume di candela come amanti appassionati.
Parlo piano quasi recitando una parte che ho ripetuto a me stesso più volte. Dapprima non comprende.
Ascolta attenta ma stupita e incredula, capisce che il film che il magnate intende girare è ambientato, oltre che in Brasile, anche nell’impero poco amico dei cubani.,,”




Kazimir,
di Vito Manduca
“…Ormai le famiglie sono raccolte sotto gli ombrelloni e sotto le incannucciate. Sfoderano i portapranzi con le pastasciutte, le frittate di zucchine e di cipolle, le fettine panate ormai fred de  ma tanto si scalderanno una volta nel piatto – ed ogni altro ben di Dio come sa fare il popolo in vacanza.
Coi profumi di cibo che, da sotto gli ombrelloni, si spandono, mischiandosi all’aria salmastra che la brezza spinge dalle onde a riva, Kazi e Milena continuano a cazzeggiare con la palla, esausti ma non ancora arresi. Affamati ma resistenti.,,”




Nel Mare dei fiori di Buc
di Doriana Carosi
“…Quante volte guardai il mare immaginando l’uomo che avrei amato.
Nelle sue onde alte e bianche m’innamorai della fierezza. Nella sua calma maestrale, della saggezza. Nella sua eternità, della vita.
Il mare, signore del tempo, nel tempo riposa. La sua clessidra raccoglie tutto, ricchezza e povertà, oro e morte, trasformandoli in sabbia.
Tranne i fiori di Buc…”





Miss You,
di Alessio Puliani
 
“Quando il vento soffiava forte su Freeport le onde dell’oceano potevano arrivare fino a quattro metri di altezza. Il confine tra la terra e il mare diventava quasi inesistente. Per i pescatori di gamberi era un giorno non produttivo. Nulla e nessuno riusciva a tenere di buonumore un uomo di mare nei giorni fermi per la pesca. Per i fratelli Ross provare a ingannare il tempo restava sempre difficile, quando non si usciva in barca. Sembrava che quell’interminabile giornata di vento non volesse mai finire…”



Trenta giorni
di Simonetta D’agosto
“…Jack aveva deciso di concedersi una vacanza, dopo le sfilate della settimana successiva. Sarebbe stato stanchissimo; giorni e giorni di prove, i fotografi, le interviste lo avrebbero sfiancato e voleva assolutamente riposarsi e liberarsi la mente. Una bella vacanza al mare, anche se da solo, nella lussureggiante e calda
Florida gli avrebbe fatto bene…”





L’ultima crociera
di GMarius
(poema in versi)
 
 
Stringendo a me fiori di ciclamino,
Cerco le acque piu limpide, piu chiare
Correndo a voi, bei Dei, cosi vicino.
Morir m’e dolce in questo azzurro mare.
Scavalco il parapetto e volo in fondo.
Tutto e si chiaro, tutto e si lampante!






 
UN LIBRO PER L’ESTATE – LETTURE SOTTO L’OMBRELLONE
2017 V EDIZIONE
L'iniziativa, giunta alla quinta edizione, vede come libro selezionato
30 anni avanti 30 anni indietro lungo le coste del Mediterranteo
di DANIELA TOMBÀ


 
Protagonisti indiscussi il Mare (Mediterraneo) e l’autrice Daniela Tombà che ha scelto proprio le spiagge, da quelle esclusive a quelle a quelle  più frequentate, come palcoscenico su cui interpretare il ruolo di donna libera in cui sin da giovanissima si è immedesimata.
Anche se il romanzo abbraccia un periodo certamente maggiore di 30 anni (a ben leggere, almeno 70, ovvero tutta la vita  della protagonista) l’autrice ha inteso focalizzare i trenta anni dove più intense sono state le sue emozioni, di donna, di lavoratrice, di dirigente sindacale, di madre e, in una parola, di persona speciale che ha scelto il mare per raccontarsi e per raccontare vicissitudini proprie e delle numerose persone entrate in relazione con lei. Almeno trecento sono le persone reali citate a vario titolo nel romanzo.
 
Una delle “irriducibili” in via d’estinzione racconta il suo viaggio tra le utopie che hanno animato,confuso e ucciso una generazione di ostinati idealisti.
Riccardo de Torrebruna
Trecento storie in una, narrate dall’autrice attraverso la propria biografia, offerta al lettore senza censure e senza veli.
Mezzo secolo di vita italiana vissuto con coraggio dall’autrice e dalle donne e dagli uomini che ha incontrato per anni
o per un giorno, persone vere alle quali viene offerta la prerogativa di riconoscersi nel corso della lettura.
Trecento pagine di lettura coinvolgente, avvincente a tratti intrigante…
Vito Manduca
In   libreria dal mese di giugno, può essere ordinato a eddaedizioni@tiscali.it (spedizione gratuita ovunque in Italia) Prezzo:euro 24,00; pagine 290
Contatti: eddaedizioni@tiscali.it www.eddaedizioni.it tel. 335/5951339
 
Comunicato stampa  n. 05 del 23 maggio 2017
 Successo alla nuova  presentazione del libro La neve all’alba
di Basilio Petruzza

 ROMA, 23 maggio 2017 – la nuova presentazione a Roma di La neve all'alba, collana Amore&Psiche, EDDA Edizioni, di Basilio Petruzza, avvenuta, a circa due anni dalla pubblicazione, martedì 23 maggio 2017, presso il caratteristico locale Officine San Giovanni, ha avviato con successo la nuova fase di eventi di EDDA Edizioni, in collaborazione con l’accogliente locale in  largo Brindisi 25.
 Grande è stato il coinvolgimento del pubblico, composto per la grande maggioranza di giovani coetanei dell’autore, che, sollecitato dalla bravissima conduttrice Ylenia Del Giudice, ha dato vita a un dibattito di alto profilo sul libro.
Negli interventi, sia dell’autore sia del pubblico, è emersa la comune considerazione che il romanzo, certamente impegnativo, va ben oltre il tema che appare centrale, in cui  la pedofilia è solo un  “di cui”  del più ampio processo di formazione dell’adolescente protagonista che deve fare anche i conti con il processo di disgregazione familiare in un tessuto sociale assente. Lo stile narrativo del giovane autore, a parere del pubblico, fa del romanzo una lettura coinvolgente e avvincente.
 Sul palco, oltre l’autore Basilio Petruzza e la conduttrice Ylenia Del Giudice, si sono alternati  tre giovani promettenti artisti, di talento The Niro, Lorenzo Lepore e Lavinia Desideri, che hanno allietato  con chitarra e voce il pubblico, sia interpretando brani di cantautori famosi (Lucio Dalla e Patty Pravo) sia interpretando propri componimenti.
 Una bellissima serata di cultura e intrattenimento fra gli applausi per l’autore e per gli artisti in un locale accogliente.
 EDDA Edizioni, presente con la titolare Daniela D’Agosto e Il direttore Vito Manduca, esprime soddisfazione per il successo dell’evento e ringrazia l’autore, gli artisti, il pubblico e il locale Officine San Giovanni.
 Il libro, in circuito, è disponibile anche ordinando all’autore o all’editore: eddaedizioni@tiscali.it
 Scheda libro:
 autore: Basilio Petruzza
titolo:  La neve all’alba
collana: Amore e Psiche
pag. 170
ISBN: 9788897124443
prezzo: 18,00 euro
 contatti: www.eddaedizioni.it  eddaedizioni@tiscali.it  -335/5950316 –  335/5951339
 
LA NEVE ALL'ALBA - NUOVA PRESENTAZIONE A ROMA
MARTEDI 23 MAGGIO 2017 - ORE 19,00 - PRESSO IL CARATTERISTICO LOCALE "OFFICINE SAN GIOVANNI"
 
Il primo degli eventi in programma in collaborazione con il caratteristico locale "OFFICINE SAN GIOVANNI" Largo Brindisi 25, a due passi dalla nuova sede di Edda edizioni.
"La neve all'alba", di Basilio Petruzza, a quasi due anni dalla pubblicazione, prosegue il cammino di successi confermati a ogni evento di presentazione ovunque in Italia.
Un evento con tanti ingredienti: musica, lettura, dibattiti e aperitivi in uno dei più accoglienti locali di San Giovanni.



 

Mario Giacomozzi(GMarius)-

È lieto  di invitare la S.V. alla presentazione dei suoi ultimi tre libri
I dubbi di Dario; Il mondo nuovo e la Scaracoccia; Buongiorno papino!, editi da EDDA Edizioni
 
Lunedì 15 maggio  2017 ore 17,30; via Marino Laziale, 42 - Roma
Ne discutono con l’autore:
Vito Manduca, Riccardo Mazzoni, sarà presente l’editore Daniela D’Agosto.
 
Info e conferme: www.eddaedizioni.it  eddaedizioni@tiscali.it 
 tel. autore: 348/4992953
 
Social Event 1^ maggio 2017
in evidenza i libri del lavoro di EDDA

« L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. » Art. Costituzione italiana







 
 
 
Comunicato stampa  n. 4 del 21 aprile  2017
Il programma 2017 prosegue ancora con una scrittrice
30 anni avanti 30 anni indietro lungo le coste del Mediterraneo  di Daniela Tombà
(Edda edizioni – Storia & Storie


 
ROMA, 21 aprile  2017 –  Avremmo dovuto diffondere il  comunicato stampa della pubblicazione del meraviglioso libro, 30 anni avanti 30 anni indietro lungo le coste del Mediterraneo,   in condivisione con l’autrice Daniela Tombà. Questi erano gli intenti  non formalizzati nel  contratto di edizione e questo era il desiderio espresso dall’autrice, che aveva acconsentito al patto solenne di rendersi disponibile, pur nella consapevolezza dell’aleatorietà della promessa, non solo alla redazione del comunicato ma, soprattutto, a condividere un percorso di presentazione di un libro che, raccontando la movimentata vita di una donna, fornisce al lettore uno spaccato abbastanza fedele di 50 anni di costume italiano… Pacta sunt servanda fino a quando vis maior cui resisti non potest non interviene per impedirlo.
La soddisfazione, il privilegio e l’onore, quindi, di aver reso possibile un progetto dell’autrice, prossimo al sogno di una vita, di pubblicare il suo libro, dopo la constatazione amara della stessa circa l’inaccessibilità del mondo editoriale (di norma spalancato ai soli fenomeni commerciali e, sovente, a prescindere dalla qualità), sono stati velati di tristezza e di un pizzico di rammarico per averlo realizzato appena pochi giorni dopo la scomparsa di Daniela.
Non racconterò  di tutti i rifiuti delle case editrici, perché sembra che sia assolutamente normale, forse siamo in troppi a scrivere, ma trovo comunque spiacevoli alcuni comportamenti non tanto per le frustrazioni ricevute quanto per l’ineducazione. Non credo che riuscirò a pubblicarlo… (pag. 11)
 Con questo spirito, nel mese di aprile del 2016, quando ancora assolutamente ignara di ciò che la vita le stava riservando da lì all’autunno, ha inoltrato alla redazione di Edda Edizioni ben 44 file di altrettanti capitoli, determinata più che mai a immergersi anima e corpo in questo progetto, come sua ulteriore ragione di vita da aggiungere alla passione per la pittura e… per il mare, immortalato anche nelle sue tele.
Chiare manifestazioni di esultanza, e di entusiasmo, hanno accompagnato la decisione dell’editore di pubblicare. Entusiasmo confermato in tutta la fase dell’editing condiviso fino al “via si stampi” del mese di marzo. Nelle ultime settimane di lavorazione, e di vita dell’autrice, non è passato un giorno senza un contatto propedeutico alle iniziative di  promozione, avviate ancor prima della disponibilità del libro. Un impegno quotidiano, rivelatosi negli ultimi giorni ancor più prezioso delle terapie anche se l’uno e le altre inefficaci o non in grado di contrastare il male.
Poi l’imponderabile…
Ora, la realtà del libro, senza la presenza fisica di chi lo ha creato, come un neonato senza il calore della mamma.
Una ragione in più per non tralasciare nulla nella sfera del possibile per far vivere il libro e per  diffondere  il messaggio dell’autrice, in tutte le sfaccettature della sua impegnata e movimentata esistenza: come lavoratrice, come dirigente sindacale, come madre… ma, soprattutto, come persona e come donna, alla continua ricerca di una dimensione di libertà al femminile sempre inseguita e forse mai del tutto raggiunta.
Romanzo autobiografico, certo, in cui
 una delle irriducibili in via d’estinzione racconta il suo viaggio tra le utopie che hanno animato, confuso e ucciso una generazione di ostinati idealisti”    (Riccardo de Torrebruna)
Romanzo autobiografico dove insieme alla protagonista principale, Daniela Tombà, ve ne sono almeno trecento altri, ciascuno con il proprio ruolo
 Trecento storie in una, narrate dall’autrice attraverso la propria biografia, offerta al lettore senza censure e senza veli. Mezzo secolo di vita italiana vissuto con coraggio dall’autrice e dalle donne e dagli uomini che ha incontrato per anni o per un solo giorno, persone vere alle quali viene offerta la prerogativa di riconoscersi nel corso della lettura. Trecento pagine di
lettura coinvolgente, avvincente a tratti intrigante …    (Vito Manduca)
 Titolo: 30 anni avanti 30 anni indietro lungo le coste del Mediterraneo
Autrice: Daniela Tombà
Collana: Storia & Storie
ISBN 9788897124627
Pagine: 290
Prezzo: € 24,00
In distribuzione a partire dal mese di maggio a cura del distributore
nazionale Libro CO Italia Srl
Disponibile ordinando a eddaedizioni@tiscali.it (spedizione gratuita
ovunque in Italia; con contributo spese all’estero)
 
contatti: www.eddaedizioni.it redazione@eddaedizioni.it eddaedizioni@tiscali.it   335/5950316 – 335/5951339

 
AUGURI DI
Buona Pasqua a tutte le amiche e a tutti gli amici di Edda Edizioni: autrici, autori, sostenitrici, sostenitori, lettrici, lettori o semplicemente amiche e amici. Ovunque voi siate che la Pasqua sia festa grande, magari ancora più completa con una buona lettura.






 
SocialNews n 2  del 28 3 2017
Video messaggio e letture di Vito Manduca – direttore Edda edizioni
Diamo inizio a una nuova modalità  di video presentazioni degli autori  che chiameremo da Dante Alighieri a EDDA edizioni, secoli di cultura italiana collegati dal comune denominatore dell’idea del viaggio come metafora del cammino della   stessa umanità che amiamo pensare eterno.
Le letture della Divina Commedia associate a quelle dei nostri autori
vogliono essere la rappresentazione del difficile percorso degli editori indipendenti  in tre  mondi  assimilabili a quelli Danteschi: l’Inferno del mercato con lo spietato dominio dei potenti che poco spazio lasciano sia all’impresa libera sia alla fantasia dei nuovi autori; il Purgatorio della selezione dei manoscritti con l’azione del “purgare” appunto gli stessi con accurato editing onde consentire agli elaborati grezzi di accedere al Paradiso sotto forma di libro in grado, per chi li ama, di produrre emozioni di elevata catarsi.
Come ouverture abbiamo scelto un libro emblematico, molto vicino per fantasia e per genere alla Divina Commedia: L’ultima crociera di Mario Giacomozzi, in arte Gmarius, un originale e attuale poema in versi del genere ditirambo.
https://www.facebook.com/edda.edizioni
letture:
La Divina commedia, L’inferno canto 1
 L’ultima crociera
 
Il libro al solo costo di 19,00 euro è reperibile presso le migliori librerie oppure ordinabile  a Eddaedizioni@tiscali.it
 
Info del 14 marzo 2017
Profilo di Facebook in aggiornamento
 
Roma 14 marzo 2017 – Informiamo che il nostro profilo storico di Facebook è in aggiornamento. In attesa del ripristino, le nostre attività in rete, oltre che sul sito ufficiale, potranno essere seguite sulla pagina Facebook: Link https://www.facebook.com/EdizioniDanielaDAgosto/ ; sul blog https://vitomanduca.wordpress.com/,  su Twitter https://twitter.com/v_manduca  e su https://www.facebook.com/daniela.dagosto.1 ; a breve saremo attivi anche su Instagram.
Grazie a tutti coloro che si connetteranno per seguirci.
 
SocialNews n. 1  12 3 2017 
A proposito del libero pensiero
Editoria indipendente e responsabile
di Vito Manduca

Roma 12 marzo 2017 - La “Grande editoria”, ovvero  quella dei grossi gruppi, è scossa in questi giorni da inchieste della Magistratura che  non fanno che confermare quanto di comune notorietà circa il malcostume di un’editoria drogata, finalizzata prevalentemente all’utilizzo dei finanziamenti pubblici.
 Vien da pensare che il vero core business di tale imprenditoria non sia la produzione di informazione e di Cultura con la “C” maiuscola bensì l’appropriazione di soldi della collettività, dichiarando una produzione “fantasma” o producendo sconsideratamente centinaia di migliaia di copie di giornali, o anche di libri, e che mai nessuno comprerà,  tanto meno leggerà.
 I danni, irreversibili, di tali irresponsabili politiche non sono soltanto per le pubbliche finanze, ma coinvolgono ambiti più rilevanti.
 L’ambiente e la salute del pianeta, quando si procede a produzione di carta da consumare senza utilità, sono le prime vittime su più binari, a monte e a valle.
L’uso scriteriato di carta concorre, a monte,  al processo inarrestabile di deforestazione. La stessa lavorazione per trasformare gli alberi in carta grezza, e questa in pagine di libri o di giornali stampati, a sua volta, produce costi per la collettività, consumo di energia e, comunque, inquinamento.
La successiva dispersione nell’ambiente, a valle, e le stesse operazioni di macero producono ulteriore inquinamento, danni alla salute e deturpano il paesaggio.
I danni sul piano finanziario si riverberano intanto sull’intera collettività, giacché i finanziamenti pubblici milionari sicuramente incidono sulla fiscalità generale. Soldi che magari sarebbero salvifici per ridurre la povertà materiale e intellettuale!
Per quanto concerne il settore editoriale, i danni più tangibili sono quelli che ricadono sui piccoli e medi editori che, non solo devono combattere in modo impari contro colossi ma, per scelta o per impossibilità, non avranno mai accesso a finanziamenti pubblici. Senza contare che stampando basse tirature, anche per ragioni etiche, i costi dei libri o dei giornali prodotti non potranno mai essere competitivi con quelli dei colossi che saranno di gran lunga inferiori, grazie alle alchimie dei finanziamenti e delle copie fantasma.
 Oltre ai danni materiali e tangibili, il settore e, in senso più lato la collettività, saranno privati della possibilità di produzione e di diffusione di un libero pensiero di più ampio respiro, non pubblicando opere meritevoli provenienti da persone normali, creative ma sconosciute.
 In questo contesto, siamo, come editori, orgogliosi e convinti di avere fatto la scelta giusta, non solo predicando i principi etici, facendo affidamento soltanto sulle proprie risorse e non inseguendo i finanziamenti di sorta, ma sancendo  detti principi nel  contratto di edizione in modo da condividerli a monte con gli autori, senza lo specchietto delle allodole di stampe, massive o “fantasma”, che mai si venderanno, e, forse, nemmeno si stamperanno:  
L’Editore aderisce a un’editoria sostenibile e responsabile. A questo fine adotta font e caratteri idonei a contenere lo sviluppo di pagine ed evita soverchie giacenze di magazzino. Nel rispetto dell’ambiente, procederà in via automatica a periodiche ristampe mirate, in funzione degli ordini che perverranno, tempo per tempo, dalla distribuzione, dagli  Autori o da sponsor durante la durata contrattuale.” (ex art. 1 contratto di edizione – EDDA).
 Probabilmente con questi obiettivi non rincorreremo, e non produrremo in altri, sogni di “grandeur” ma saremo liberi da condizionamenti esterni e daremo il nostro contributo affinché la “grande cultura” si  arricchisca della sommatoria di tanti liberi pensieri provenienti dalla gente comune, usa a pensare e a sognare, ma con i piedi per terra.
Non è casuale la scelta di avviare il programma editoriale 2017 con un libro, Il castello dei Guerrieri dell’Intelletto, di Mara Rosaria Ditto, docente di scuola primaria. Un libro che, in sole 66 pagine,  rivolge un grande messaggio e un fondamentale insegnamento  ai bambini e ai ragazzi – ma che va bene per tutti – sulla Costituzione Italiana, fonte prima di legalità, di democrazia, di etica e, in generale, di rispetto per il prossimo.
Magistralmente illustrato da Eugenia Merlani, il  libro è uno straordinario, e per quanto ci risulta originale, strumento didattico in grado di far acquisire nelle prima età scolare la sacralità dei principi, dei valori e dei diritti fondanti la Democrazia delle Repubblica voluta dai Padri Costituenti all’indomani dell’immane tragedia della Seconda guerra mondiale.
 
Un libro che ciascuna scuola primaria e secondaria d’Italia dovrebbe adottare.
 
In distribuzione nelle librerie italiane
Privati e scuole possono ordinare anche a eddaedizioni@tiscali.it
spedizione gratuita ovunque in Italia
 
https://vitomanduca.wordpress.com/2017/03/12/socialnews-n-1-12-3-2017-a-proposito-del-libero-pensiero-editoria-indipendente-e-responsabile-di-vito-manduca/
 
8 MARZO DEDICATO ALLE DONNE: CHE NON SIA SOLO UNA LITURGIA

                   Postato il marzo 8, 2017 da vitomanduca
Come ogni anno l’8 marzo ripropone la questione femminile e di per sé è un bene. D’altronde, di per sé, ogni giorno di festa evoca situazioni positive. Il giorno di festa, chi festeggia, non dovrebbe lavorare o dovrebbe farlo con meno fatica;  indossa l’abito migliore; mangia bene; si dedica alle cose che producono maggior piacere. Insomma, il giorno di festa, chi festeggia, è o dovrebbe essere libero. Meglio LIBERA visto che la festa è delle donne.
A parte qualche legittimo dubbio circa la reale libertà di pensare a se stessi/stesse,  visto che anche le feste riconosciute come tali impongono protocolli liturgici ripetitivi che non solo limitano ugualmente la libertà ma impegnano oltremodo in rituali di gruppo, è certo che un giorno di festa non potrà mai ripagare le donne dagli abusi subiti da sempre dal predominio maschile. E per abusi non sono da intendere soltanto gli episodi esecrabili di violenza fisica troppo spesso sconfinanti nel femminicidio, bensì ogni forma di imposizione, fisica e psichica, praticata non solo da singoli uomini ma da politiche inneggianti al culto del maschio.
Auguri, quindi,  a tutte le donne dell’universo.
Che non sia festa per un solo giorno ma per ogni giorno della loro esistenza e che il leggiadro fiore di mimosa possa, almeno per un giorno, alleggerire il gravoso carico che l’universo maschile impone ai loro corpi e alle loro menti.
Siano comunque consapevoli che, senza integralismi e radicalizzazioni di posizioni, la parità di genere nessuna politica illuminata ò peraltro dominata dai maschi – potrà renderla possibile. Saranno il loro quotidiano impegno, la loro intelligenza, la loro determinazione, il rispetto di se stesse  e, talvolta, il loro sacrificio  a rendere possibile graduali progressi.
EVVIVA LE DONNE
 
Comunicato stampa  n. 3 del 23 febbraio  2017
Il programma 2017 riparte dalla Costituzione col nuovo libro
Il Castello dei Guerrieri dell’Intelletto  di Maria Rosaria Ditto (Edda edizioni - Germogli
 

 

ROMA, 23 febbraio 2017 –  Un libro che parla ai bambini e ai ragazzi della Costituzione Repubblicana; non vi poteva essere partenza migliore, quanto mai attuale, per il programma editoriale 2017.
Il Castello dei Guerrieri dell’Intelletto - dove la favola diventa realtà di Maria Rosaria Ditto, docente di scuola primaria,  si rivolge ai giovani lettori con il linguaggio tipico delle favole nell’obiettivo di catturarli e coinvolgerli su un argomento di grande rilievo civico, ma spesso mal digerito soprattutto perché usualmente trattato col linguaggio freddo del tecnicismo.
Non si temono smentite se si afferma che dalla promulgazione della Costituzione Italiana, nell’immediato dopoguerra, ad oggi l’insegnamento in generale non ha mai messo seriamente al centro dei programmi una disciplina specifica che coltivasse la cultura, se non il culto, del rispetto dei diritti e dei principi che i Padri Costituenti hanno inteso cristallizzare nella Carta Costituzionale nel modo più avanzato e più nobile fra quelli fino allora noti.
 
Non è un caso, e non c’è tanto da stupirsi, che perfino i tanti progetti di riforma hanno solo in alcuni casi arricchito qualche capitolo mentre, in generale, hanno messo in evidenza scarsa sensibilità, poca conoscenza, superficialità e segni di fastidio perfino  da parte di coloro che tempo per tempo si sono posti come obiettivo di governo le riforme.
 
E non è certamente per caso che Maria Rosaria Ditto ha maturato il proposito di scrivere una favola, magistralmente illustrata da Eugenia Merlani, proprio mentre il popolo italiano bocciava convintamente, con un referendum ad altissima partecipazione, l’ultimo tentativo di riforma caratterizzato, nel suo iter, più da annunci mediatici e da segni di insofferenza da parte dei proponenti che da progetti di miglioramento.
Evidentemente la sensibilità di docente, esperta dei linguaggi dei ragazzi, si è resa persuasa dell’esigenza di nuovi strumenti di comunicazione ma che, al contempo,  attingessero, nel paradigma del linguaggio, all’antico fascino delle favole.
 
Potrebbe anche apparire curioso che per educare al rispetto di principi, di valori e di diritti tipici di una democrazia in uno stato repubblicano si utilizzino categorie del passato: castelli, principi buoni, cavalieri guardiani…
La lettura attenta del libro tuttavia fuga ogni perplessità di fronte all’efficacia comunicativa che non avrebbe lo stesso esito se fosse limitata alla lettura e alla illustrazione tecnica di ciascun articolo.
Libro particolarmente adatto a far acquisire la conoscenza della Legge Fondamentale ai bambini e ai ragazzi.
Libro che tutte le scuole primarie, e in parte le secondarie, dovrebbero adottare come supporto all’educazione del senso civico ma anche alla conoscenza dei propri diritti.
Un diritto può essere tale solo se esercitabile; un diritto è esercitabile solo se conosciuto. Diversamente è come se non esistesse.
 Titolo: Il Castello dei Guerrieri dell’Intelletto - dove la favola diventa realtà 
Collana: Germogli
Genere: Narrativa ragazzi
Pagine: 65
ISBN. 978-88-97124-61-0
Prezzo copertina: euro 17,50
 Prossimamente in distribuzione presso le librerie.
Immediatamente disponibile su ordini diretti.
 
Le scuole, le associazioni e le comunità interessate a forniture dirette, a condizioni loro riservate, possono scrivere a: eddaedizioni@tiscali.it
 
L’autrice.
Ditto Maria Rosaria, laureata in scienze politiche, si è specializzata nell’applicazione del software alla didattica. Docente di informatica/ web designer, ha pubblicato presso la Casa Editrice IMMEDIA il quaderno operativo Mini Portfolio e nel corso della sua ventennale esperienza di insegnamento nella scuola primaria ha realizzato numerosi progetti multimediali e siti web. La passione per la musica classica e jazz, letteratura, saggi di storia e politica, arte grafica e pittura le ha permesso di creare una sinergia tra il patrimonio di conoscenze e l’uso delle nuove tecnologie.
 
contatti: www.eddaedizioni.it  redazione@eddaedizioni.it    eddaedizioni@tiscali.it  -335/5950316 –  335/5951339
 
Comunicato stampa  n. 2
8 febbraio  2017
 Premio PRUNOLA  2017
“La faccia brutta”  di Andrea Alberto Forchino (Edda edizioni) tra i finalisti

ROMA, 8 febbraio 2017– Riceviamo, e volentieri diffondiamo, la comunicazione indirizzata al nostro autore, prof. Andrea Alberto Forchino, relativa alla partecipazione del suo nuovo libro “La faccia brutta”, al Premio Prunola 2017.
 
 “Gentile concorrente,
siamo felici di comunicarle che è stato selezionato tra i finalisti per il Premio Prunola nella sua sezione di riferimento. La ringraziamo per partecipare, e saremo felici di averla tra i presenti alla serata di premiazione che si terrà il giorno 11 marzo 2017 alle 21.00 presso il Teatro Accademico di Castelfranco Veneto.”

http://www.premioprunola.altervista.org/risultati.html

Quale che sarà il verdetto finale con la designazione di un primus, si tratta di un bel risultato per L’originale racconto  del giovane autore, con cui ci congratuliamo e  che abbiamo avuto il piacere di pubblicare per la seconda volta; “La faccia brutta”, 2016, infatti, è il secondo libro dopo quello di esordio del 2015 “Catene”, una serie di coinvolgenti racconti.
 Nota biografica autore:
Andrea Alberto Forchino nasce a Ivrea, in provincia di Torino, nel 1982. Avendo conseguito laurea e dottorato di ricerca in Biologia si trasferisce nella Riviera del Brenta dove attualmente risiede e lavora come professore di scienze. Dopo varie pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali e internazionali, nel 2014 esordisce come scrittore con Catene – raccolta di racconti.
Entrambi i libri sono acquistabili  nelle migliori librerie italiane distribuite da Libro Co Srl oppure su ordini diretti a eddaedizioni@tiscali.it
contatti:
www.eddaedizioni.it  redazione@eddaedizioni.it    eddaedizioni@tiscali.it  -335/5950316 –  335/5951339
 
Comunicato stampa 
31 gennaio 2017 n.1
EDDA in Francia col libro di Doriana Carosi "L'uguale non conosce maiuscole"
 
L’uguale non conosce maiuscole il nuovo libro di Doriana Carosi, collana Germogli – Edda Edizioni, ispirato al Piccolo Principe, approda in Francia presso la Maison d’enfance d’Antoine de Saint-Exupéry, autore de Le Petit Prince. Riceviamo dall’autrice e volentieri pubblichiamo la testimonianza di Eric Gaillard, sindaco del Comune di Saint-Maurice-de-Rémens, sul cui profilo Linkedin si legge: «Ma Commune a acheté en 2009 la maison d’enfance d’Antoine de Saint Exupéry. De cette maison, nous avons bon espoir d’en faire l’unique site en France dédié à Antoine de Saint Exupéry: écrivain, aviateur, combattant, inventeur».
https://www.linkedin.com/in/eric-gaillard-77a655106
 
Edda Edizioni condivide con l’autrice, Doriana Carosi, l’onore e il privilegio di avere ospitata l’opera in omaggio a Antoine de Saint-Exupéry presso una così prestigiosa sede di cultura.
 
 
Site Map